Attività » sheepdog » Alice Zelco & Belle

sheepdog

» Alice Zelco & Belle

Nel 2015, quando ho deciso di arricchire la mia vita con una compagna di avventure a 4 zampe, ho cercato una razza il più possibile vicina ai miei interessi: volevo una cucciolona piena di energia, che fosse amante della vita e dello sport all’aria aperta, a cui piacessero il mare ma anche la montagna, d’estate come d’inverno, e che potesse adattarsi alle diverse attività che di volta in volta le avrei proposto, per condividerle e divertirci insieme. La scelta è quindi caduta in modo naturale sul pastore australiano, attirata anche da quel lato un po’ esuberante e pazzerello (qualcuno più obiettivo di me direbbe “cafone!”) tipico di questa razza, oltre che da quello sguardo così espressivo da farmi sciogliere come un Calippo ad agosto.

Io ed il mio vulcano di energia a 4 zampe chiamato Belle ci siamo quindi approcciate all’obbedienza di base (è per me il primo cane) e successivamente all’agility, perché cercavo per noi un’attività nella natura, che potesse aiutarci a rafforzare il nostro rapporto, anche per “capirci” in presenza di animali selvatici come caprioli o cinghiali, che spesso capita di incontrare durante le nostre corse o passeggiate in Carso.

Ma l’intuizione di aver trovato qualcosa di veramente adatto a lei, qualcosa che veramente potesse permetterle di esprimersi, l’ho avuta leggendo notizie sullo Sheepdog, ripensando ad una volta in Val Rosandra quando (lei aveva nove mesi!) è scattata giù per il ghiaione a tutta velocità con l’obiettivo di “gestire” 40 caproni, incurante che fossero grandi il doppio di lei, e regalando a me due simpatiche meches di capelli bianchi, non so più se per la paura che la infilzassero come uno spiedino o per la paura mia di finire giù per la scarpata correndole dietro. Alla fine però, una volta recuperata lei e recuperato io un ritmo respiratorio accettabile… la soddisfazione nel suo sguardo non aveva prezzo.

Scelta la disciplina, il passetto finale verso lo Sheepdog Isontino è stato opera, qualche tempo dopo, del buon Massi (sì, Martina, se c’era bisogno di ricordartelo, oltre che per il calo drastico delle provviste di Coca Cola, anche per questo il “merito” è suo)…

Fissata la sessione di prova, ho visto la Belle tentare, di “mettere in riga” (seppure in maniera decisamente rudimentale) con così tanta foga le pecore, e ho visto nei suoi occhi uno sguardo talmente intenso della serie  “Ok ora ho capito qual è la mia vera vocazione nella vita” che ho pensato potesse essere una bellissima occasione per divertirci insieme e rinforzare ancora di più il rapporto che ci lega. Siamo solo all’inizio, ma tra ruzzoloni nel fango e pelle di leone (miei), orecchie da mercante (canine) e pecore in tutte le direzioni (tranne quella giusta), io apprendo ad ogni lezione qualcosa in più sul ragionare “da cane” e in compenso dimentico qualcosa sul ragionare da umano…il che è fantastico! E soprattutto…ci divertiamo un sacco, quindi…continuiamo sulla strada dello Sheepdog! 
***********  aggiornamento ***********
Nel 2017 abbiamo iniziato a far competizioni; non tanto per una smania agonistica quanto per mettere alla prova la nostra intesa e preparazione.
Beh, devo dire che non è stato per niente facile...anzi! Ho collezionato diversi eliminati perché Belle in contesti nuovi era sempre "fuori controllo" ma la costanza ci ha premiate!
Infatti abbiamo VINTO IL TORNEO ITALO-SLOVENO 2017 nella categoria "ALL THAT IS NO BORDER" (una soddisfazione indescrivibile!!)


« ritorna alla pagina sheepdog